Dr.Martino-Meoli-correggere-le-asimmetrie-del-viso

Come correggere le asimmetrie del viso senza bisturi?

 Oggi ci rivolgiamo a chi desidera correggere le asimmetrie del viso senza ricorso alla chirurgia.

Quando si parla di estetica del volto, la simmetria e l’armonia sono certamente importanti.

Non esistono “valori assoluti” e leggere asimmetrie spesso rendono unico e attraente un viso. Eppure ci sono casi in cui una mancanza di equilibrio estetico si trasforma in inestetismo e fonte di disagio. E non sempre è necessario il ricorso alla chirurgia plastica per liberarsene.

Quando il viso è poco simmetrico  Forse non tutti ne sono consapevoli, ma le asimmetrie del volto sono una caratteristica di ogni essere umano. La parte destra e sinistra del viso non sono perfettamente identiche, ma differiscono anche se di poco nei lineamenti. Nella maggioranza dei casi queste lievi asimmetrie conferiscono espressività e carattere al viso che, nell’insieme, risulta più accattivante. A volte invece tali asimmetrie risultano maggiormente pronunciate e disturbano l’armonia del volto. Che fare allora? Se nasce il desiderio di correggere le asimmetrie del viso, le alternative sono sostanzialmente due: chirurgia estetica o medicina estetica, quest’ultima decisamente meno invasiva. Su quali asimmetrie del volto è possibile intervenire? La possibilità di correggere le asimmetrie del viso dipende sostanzialmente da due fattori, ovvero l’effettiva mancanza di equilibrio tra le parti e la causa di tale disarmonia estetica. Primo compito del chirurgo è individuare i possibili punti di intervento. Bisogna prima escludere che l’effettiva asimmetria riscontrata non sia dovuta a problemi di altra natura, i quali potrebbero richiedere un’altra terapia. Una volta constatato che i difetti dipendano da lassità cutanea o da contrazione muscolare alterata si possono programmare interventi poco invasivi per correggere le asimmetrie del viso e ripristinarne l’armonia. È possibile intervenire non chirurgicamente su:
  • Sopracciglia asimmetriche
  • Occhi asimmetrici
  • Labbra asimmetriche
  • Sorriso asimmetrico
Correggere le asimmetrie del viso con filler Per eliminare o ridurre le asimmetrie del viso è dunque possibile ricorrere a trattamenti estetici all’avanguardia poco invasivi. Quando i “difetti” riguardano la parte inferiore del volto (naso, zigomi, labbra, mento, contorno facciale) il rimodellamento può avvenire tramite filler di acido ialuronico o iniezioni di grasso autologo (lipofilling viso). Entrambe le tipologie di filler rappresentano una soluzione efficace e immediatamente visibile per correggere le asimmetrie del viso: aumentando le zone depresse del volto ne equilibrano i deficit volumetrici. In questo modo è possibile ad esempio aumentare un mento poco marcato, eliminare una gobbetta al naso, rimodellare il contorno del volto o rimpolpare gli zigomi.   Botulino per ridurre le asimmetrie del viso Quando ad essere asimmetrica è la parte superiore del volto, come un’asimmetria del sopracciglio che non rende più giustizia alle naturali espressioni ed emozioni, si può ricorrere invece alla tossina botulinica. Mirate e attente iniezioni di botulino  consentono di inibire la contrazione muscolare dove serve, correggere le asimmetrie del viso nella parte superiore e donare un effetto ringiovanente. Dunque i vantaggi di correggere le asimmetrie del viso con la medicina estetica riguardano innanzitutto l’assenza di anestesia (al di fuori di quella locale), di incisioni o cicatrici, e di convalescenza (al di la dei semplici accorgimenti da adottare dopo l’intervento). Inoltre i risultati sono immediatamente visibili e, nonostante si tratti di correzioni talvolta minime, la soddisfazione dei pazienti è generalmente elevata. Ma ricorda, ciascuno di noi è unico: la soluzione ottimale è scegliere un professionista che disponga di una vasta gamma di opzioni di medicina estetica e sia in grado di indirizzarti verso la soluzione più adatta a te. Dr. med. Martino Meoli chirurgo plastico, ricostruttivo ed estetico Lugano
drmoeli-logo
×